Endurance Training in gara in Italia, all’estero, al mare, in città.


Una domenica, anzi un weekend davvero movimentato in casa Endurance Training. Non sappiamo bene quanti eventi agonistici ci siano stati in giro per l’Europa ma possiamo asserire con certezza che qualche pedina l’abbiamo piazzata. Nessuna distanza ha spaventato gli enduregni che in diversi casi si sono sobbarcati trasferte di più giorni per portare a casa la loro dose di passione domenicale di running o di triathlon, o, in questo caso, di triathlon cross per una delle prime trasferte dell’XTERRA European Tour.

Ci vuole ordine considerando gli eventi ai quali hanno partecipato gli atleti.

ENDURANCE ALL'XTERRA CYPRUS. TUTTI SALVI!

Riprendendo l’ultima trasferta a Cipro, possiamo dire con certezza che è una delle novità di questa nuova stagione targata Endurance Training. Il triathlon cross è entrato nella attività della società grazie anche alla collaborazione con il portale cross-tri.com. Tre atleti e un “reporter” dunque, hanno perso il volo per Paphos e hanno nuotato, guidato una mtb e corsa su sterrato all’XTERRA Cipro, prima tappa 2019 del circuito XTERRA europeo. Fortune alterne per i tre moschettieri off-road che in tutti i casi hanno portato a termine la loro fatica con buoni piazzamenti e buone prospettive per il prosieguo della stagione.

Tutti per SIMONE

Poi come dicevamo ci sono stati altri 7, sette, seven, appuntamenti ai quali orde di atleti endurance hanno preso parte. A Milano hanno visto correre il logo societario di Cameracanna Primo. A Berlino, addirittura, Antonio Incelli ha portato a casa la meza maratona. Ibiza? Ovvio che Endurance non poteva mancare con Paolo Anticoli sulla 12 km. Veniamo agli “italiani” e cioè quelli che hanno corso negli appuntamenti nazionali. A Roma, per la discussa maratona hanno sudato: Angelo D’Aversa, Michele De Filippo e Luciano Calicchia. Per la “mezza” di Firenze invece, in strada: Stefania Straccamore, Marco Scaccia, Gianfranco Salvatori, Alessandro Caruso, Marco Protani, Giuseppe D’Angelo, Lucia Recchia, Maurizio Fiorini, Veronica Giorgili, Luca Riccardi e Mario Massa. Manca la provincia. A Patrica per la 10 km: Fabio De Filippo, Mauro Messia, Marco Olleia, Stefania Gurgone e Paolo Pignatelli.


In tutti gli appuntamenti dell’Endurance Training di questo weekend c’è stato un filo conduttore umano che ha unito cuori e mente di tutti gli sportivi. Il pensiero comune era all’Ospedale di Orvieto dove Simone dopo aver passato qualche giorno critico a seguito di un brutto incidente ha ripreso a ridere e scherzare con i proprio compagni di avventure. Ancora una volta, se ce ne fosse stato bisogno, il gruppo ha dimostrato quei valori profondi di coesione, amicizia, affetto che vengono condivisi sempre, non solo nei momenti di gioia e sport ma anche quando un “lupo” del branco rimane indietro. Come recita l’inno, con l’Endurance non sei mai solo e le testimonianze di affetto a Simone sono arrivate dall’Italia e da tutti i campi europei dove i colori sociali hanno trionfato.

A tutti vanno i complimenti del presidente e della società ma stavolta il protagonista è Simone dal quale arrivano notizie confortanti sullo stato di salute. Sono aperte le scommesse su quando tornerà ad infilare le scarpe da running. I bookmakers inglesi non hanno dato quote, la scommessa è persa in partenza perché sappiamo tutti che lo farà.


Endurance Training | Comunicato Stampa

Endurance Training | P.I. 03050330608 | Phone: +39 392 7227454 | programmiendurancetraining@gmail.com | segreteriaendurancetraining@gmail.com